• 21giu

    Piove sulla Val di Susa

    Piove sulla Valle di Susa, acqua a catinelle e avvisi di garanzia. Quest’anno è così: i prati non sono mai stati così verdi, i No Tav non sono mai stati così fradici di pioggia. Noi eravamo abituati alla neve e al gelo e il caldo afoso e l’umidità della ultima stagione un po’ ci disorientano, ma ci stiamo abituando. La Maddalena di Chiomonte sta diventando un luogo di culto. Culti pre-celtici debbono pure essersi svplti in quella che è stata definita la Pompei del nord, o più propriamente del neolitico: piovvero macigni in una notte (o giorno) di qualche migliaio d’anni fa e come la cenere per Pompei anche la frana scesa dalla costone che sale verso la Val Clarea ha ucciso tante vite ma preservato per i posteri una quantità straordinaria di reperti che – dicono – non ha uguali in Europa. Ma l’autostrada vent’anni fa, i canali di drenaggio dell’ultimo bacino idroelettrico da poco terminato e la “galleria geognostica” della TAV Torino-Lione che si vorrebbe avviare in questi giorni non hanno avuto rispetto per i morti…ma soprattutto non ne hanno per i vivi. In questo fazzoletto di terra, un imbuto creato dalla confluenza del Clarea con la Dora Riparia, tra le viti più ad alta quota d’Europa, dove si riesce con indicibili disagi, ma con pari orgoglio a produrre anche il prezioso “vino del ghiaccio” da quasi un mese è iniziato l’ultimo braccio di ferro tra i proponenti della ferrovia più inutile d’Europa (quella che c’è non ospita neanche un terzo dei treni che potrebbe) e i cittadini di una valle che dopo aver detto di si a tutto, vent’anni fa ha deciso di provare per una volta a dire no.
    ***
    Si dorme col telefono sotto il cuscino dalla notte del 23 maggio quando, verso le 2, alcune decine di operai edili protetti da un manipolo di poliziotti e carabinieri salirono da Susa verso l’imbocco della galleria della Maddalena al termine del viadotto omonimo che sovrasta l’area su cui si è deciso di impiantare il cantiere della galleria finanziabile coi soldi della UE. Un appalto di poco meno di 200mila euro (a preventivo) rimborsabili con i 671 milioni che la Commissione UE ha deciso di assegnare all’Italia nonostante tutte le gravi inadempienze denunciate dai cittadini, dalle associazioni ambientaliste e da un gruppo di eurodeputati particolarmente sensibili al diritto di dissenso di chi ne verrebbe danneggiato irreparabilmente. A distanza di qualche settimana sembra anche che la tecnica studiata per tagliare un varco nel parapetto di protezione che salda la parete della galleria col salto nel vuoto rappresentato dal viadotto sia una via di mezzo tra una genialata e una follia: si è sentito parlare di un taglio da eseguire con un getto d’acqua fino a 7mila atmosfere, roba da amputare di netto un arto a chiunque si fosse disgraziatamente trovato nei paraggi). Ma vera o no che sia l’idea resta la cronaca (sintetizzata dalle immagini col logo della polizia di stato, che passano e ripassano sugli schermi in queste ore per certificare una fitta sassaiola che avrebbe causato la rinuncia delle forze dell’ordine a insistere nell’operazione: dopo il taglio del parapetto si sarebbero potuti scaricare alcune decine di metri di prefabbricati che con alte reti pre-montate sarebbero serviti a rendere impenetrabile il cantiere, se non dall’autostrada, e ai soli addetti ai lavori e a costo di penalizzare per anni il traffico e la sua sicurezza). La sassaiola c’è stata, le immagini “girate” dalle telecamere di PS, rivolte verso l’esterno dell’autostrada e montate all’uopo qualche giorno prima lo dimostrano. Ma mostrano anche la carreggiata deserta presso l’imbocco ovest della galleria (il traffico, anche quello pesante, come detto era stato bloccato ore prima e dirottato lungo la tortuosa statale del Monginevro tra le case). Non ci sono immagini che testimonino che qualcosa sia stato lanciato verso i lavoratori o le forze dell’ordine, come non ce ne sono che certifichino il lancio di pesanti coni segnalatici, qualche bullone o distanziale di guard-rail e cartelli di cantiere sulla testa di alcuni manifestanti che si erano radunati sotto il viadotto a circa 20 metri di quota più in basso da dove era ovviamente impossibile offendere, ma facilissimo essere offesi. Ma ci sono i sassi sequestrati, oltre cento kilogrammi per più di 700 pezzi: praticamente ghiaia, ma più che sufficiente per sbattere in pagina e in onda i mostri anarco-insurrezionalisti.
    ***
    Si passano così molte notti, accampati alla Maddalena con le tende inzuppate d’acqua ma con la cucina da campo aperta 24ore. Chi non può sta a casa, ma tiene il cellulare invece della sveglia sul comodino. Ma non succede più nulla. Non li, salvo che l’accampamento si struttura, prende forma, i No tav che hanno la fissa della cultura, dell’imparare sempre qualcosa montano anche le tende padiglione per allestire mostre, fare controinformazione, studiare la storia antica per leggere meglio quella contemporanea, E tante cose succedono attorno alla Maddalena. Attorno a questa cellula di democrazia partecipata che viene subito ribattezzata “libera repubblica” anche la repubblica incatenata sembra volersi finalmente levare i ferri: e subito dopo che i ballottaggi sanciscono che liberarsi dal tiranno (ma anche dalla sua opposizione di comodo) si può, arriva il vento impetuoso dei referendum a sancire che quasi trenta milioni di italiani antepongono la difesa dei beni comuni alla (sempre più scarsa) fede nei partiti.
    E tutto succede li, nei milioni di cellule sane che si vogliono liberare dei quelle malate, delle mutazioni: pare che gli anticorpi abbiano di colpo e dopo anni di abbandono ricominciato a lavorare febbrilmente per impedire la degenerazione che pareva ormai irreversibile. E niente sembra più succedere in quegli incubatori OGM chiamati reti televisive, nei telegiornali che da Fede a Mentana (due mutanti immutabili) continuano a reclutare politici scoppiati, prima, durante e dopo la consultazione, a chiedere loro (agli unici che non lo sanno) cosa è successo…
    In piazza della Bocca della Verità – per fortuna – c’è la festa: ci sono le donne, gli uomini e i giovani che hanno promosso la rivoluzione dei gelsomini anche sulla sponda nord del Mediterraneo. E c’è persino qualcuno che rilancia: “la prossima vittoria dovrà essere contro il Tav in Valle di Susa!”
    Qualcuno lo scrive anche in rete, addirittura prima che il risultato sia noto e rigorosamente da fuori del nostro piccolo grande territorio: “il movimento dei beni comuni deve trasferirsi in Valle di Susa”.
    ***
    Ma tutto questo preoccupa, anzi terrorizza il partito degli affari. Sta capitando qualcosa in Valle di Susa (e Torino, bastione della conservazione partitica) deve intervenire, Così – proprio mentre gli uffici postali dell’intero paese sono bloccati dal più colossale ingorgo informatico d.B. (dopo Billgates) e milioni di italiani non riescono a incassare pensioni, pagare bollette o spedire una cartolina, una sola cosa pare funzioni ancora con puntualità svizzera negli uffici contrassegnati dal logo blu su fondo giallo di Posteitaliane: il recapito di proiettili agli onorevoli PD Stefano Esposito e Giorgio Merlo inviati con raccomandata ricevuta di ritorno “dal Movimento No Tav della Valle di Susa” (così decretano con processo senza appello i politici e i loro media di rieferimeto). I due deputati sono da anni gli sponsor più attivi della lobby Si Tav e hanno da poco sottoscritto la richiesta di intervento dell’esercito per dare al sito della Maddalena le caratteristiche di “zona strategica inviolabile” al fine di consentire senza altri indugi l’inizio dei lavori preliminari della Torino-Lione. Ne nasce una polemica giornalistica che il quotidiano sabaudo di Impregilo editore affida alle sue migliori penne per definire testualmente “paraterroristi” i cittadini della Valle di Susa e conniventi e irresponsabili i loro sindaci, colpevoli di volerne difendere la salute assieme alla vivibilità del territorio loro affidato. Quanto al vecchio neosindaco di Torino invece di preoccuparsi del fatto che con qualche eccesso di zelo alcuni esponenti del suo partito hanno chiesto aiuto ai tenutari delle ‘ndrine della Provincia per spuntarla nelle durissime primarie PD, lo vediamo teso a vanificare – via holding – l’esito dei referendum sull’acqua, dopo aver ovviamente solidarizzato con i due colleghi (Fassino pare non avere ancora intenzione di dimettersi dal Parlamento).
    E’ in questo clima, (mentre una giunta regionale insediata da 8 mesi viene amputata dell’assessora PDL alla sanità perché rubava persino sui pannoloni e aveva collaboratori che concordavano gli appalti con la mafia) che maturano i 65 avvisi di garanzia nei confronti di Alberto Perino (leader maximo dei No Tav a furor di cronisti) e di una cinquantina di persone prevalentemente individuate nell’area dei centri sociali di Torino il più conosciuto dei quali, Askatasuna – viene perquisito senza troppo riguardo dopo che ne è stata sfondata la porta. Molto diverso l’atteggiamento dei funzionari digos inviati a casa di Perino – nonostante il “suo” avviso di garanzia – firmato dal procuratore Giancarlo Caselli, contenga l’accusa più grave – istigazione a delinquere – che emana però un fortissimo odore di “reato d’opinione”. I funzionari sono gentili, si direbbe in imbarazzo, di dover cercare in una casetta tipica di Condove, il comune con la più ampia superficie montana della Provincia di Torino, corpi di reato quali motoseghe (sic!), oggetti contundenti (matterelli, paletti per tenere su le piante di pomodoro(?), fionde, segnaletica stradale (quella lanciata dal viadotto sui manifestanti la notte del 24 maggio da chi ci stava “legalmente” sopra?)…Alla fine se ne vanno con una agendina di appunti delle spese di casa e degli appuntamenti…In meno di mezzora (nonostante la giornata e l’ora lavorativa) sotto la vecchia casa in un vialetto di abitazioni tinteggiate di fresco, spesso gemelle, che negli anni ’50 furono edificate per le maestranze delle “Officine Moncenisio” si sono radunate più di duecento persone. Una vicina di casa ha ostinatamente sbattuto coperte e tappeti per tutto il tempo che è durata la perquisizione per unirsi, quando ha finalmente termine, all’applauso liberatorio che pone fine al silenzio che Bianca Riva (la moglie di Alberto) ha chiesto di osservare quando il “corteo” sarebbe uscito (quasi si trattasse di una funzione religiosa).
    ***
    Ma leggiamoli alcuni passi dell’”avviso”: “Rilevato che i fondati motivi sono desunti dall’attività di P.G. effettuata e in particolare dall’annotazione di P.G. in data 30 maggio 2011 in cui si evidenziano i seguenti fatti:
    -in data 21 maggio 2011 al termine della marcia Rivalta-Rivoli, Alberto Perino teneva un comizio in una piazza di Rivoli alla presenza di 4000 persone, nel corso del quale, in modo inequivocabile istigava alla commissione di reati quali resistenza aggravata, interruzione di pubblico servizio, violenza privata; in particolare si vedano le seguenti frasi:” e qui segue la sbobinatura meticolosa – comprese alcune ripetizioni – dei passi salienti dell’intervento di Alberto che – alternandosi con altri al microfono di un palco improvvisato per porre termine ad una marcia che – convocata neanche due settimane avanti – aveva visto la solita grande partecipazione di popolo. E moltissime “facce nuove” visto che la protesta – dopo la pubblicazione dei nuovi progetti si stava allargando all’Area Metropolitana Torinese.
    Un discorso che cominciava così:“Io spero che saremo di più alla Maddalena, perché è li che si gioca, qui mostriamo i muscoli, facciamo un po’ di allenamento, ma li ci sarà davvero, il momento clou, la ci sarà il confronto e dovremo vincere noi”…
    Ora frasi di questo tipo, anzi ben più galvanizzanti per il popolo celtico, a Pontida vanno in scena tutti gli anni. Spesso pronunciate da Ministri. Sarebbe interessante (ma francamente anche un po’ inutile) leggere la sbobinatura di cose dette da uno che ha fatto il mInistro di Grazia e Giustizia o da uno che fa tuttora il Ministro degli Interni. Ma nessuno si sogna di perseguirli, forse perché alcune aberrazioni sono nel frattempo diventate leggi dello stato – proprio come lo furono, in un precedente ventennio, quelle razziali (l’argomento è lo stesso. Certo, i magistrati devono applicare le leggi, non farle, ma nel precedente ventennio ci furono magistrati che rischiando molto più di quanto si rischia oggi praticarono l’obiezione di coscienza. E oggi ci sono magistrati che hanno scelto di far politica (in modo palese, onesto e dichiarato) proprio per provare a cambiare le leggi che ci stanno portando fuori dall’Europa prima che vi provvedano le agenzie di rating…
    ***
    Mario Virano, il commissario consigliato da Lunardi e Fassino a Berlusconi nel 2005 per “risolvere” la fastidiosa opposizione alla Grande Opera che avrebbe dovuto aprire un passaggio a nordovest (vale a dire sfondare una porta aperta visto che il passaggio c’è già e avanza) parla molto, persino più di Alberto Perino e – soprattutto – i suoi “comizi” vengono raccontati, ripresi e chiosati non da agenti di PG (nonostante qualche rogna con la giustizia nel passato l’abbia avuta) ma da un esercito di giornalisti-biogarfi (che si apprestano – tra l’altro – a incassare qualche centinaio di migliaia di euro sottratti alla sanità per la campagna regionale a favore della Torino Lione). Grazie a questa ampia “letteratura” (non tutto il male vien per nuocere) si può facilmente affermare che tra la tantissime cose che dice, ogni tanto (com’è statisticamente normale che accada) ne dice persino qualcuna giusta. Qui ne vorrei citare due: la prima quando affermò che se fossero riusciti ad avviare il cantiere propedeutico della Maddalena non avrebbe voluto dire che la partita era vinta (ne che avremmo vinto “noi” se fossimo riusciti a bloccarlo). La seconda che la nostra passione civile, il nostro batterci come leoni, sarebbe stata degno di una miglior causa che non rivolta contro un treno. E infatti è proprio così architetto, se dopo sei anni di ricche parcelle oltre a non aver convinto nessuno non ha neanche capito che noi non ce l’abbiamo con il treno è meglio che – se può – cambi mestiere: ci pensavo nel pomeriggio di venerdì 17 giugno, mentre un battaglione di avvocati si avvicendava al microfono della conferenza stampa convocata tempestivamente alla Maddalena e dopo, durante gli interventi di sacerdoti, amministratori, professori di ingegneria di quel Politecnico che appena il giorno prima aveva ospitato nell’Aula Magna e su richiesta del collettivo degli studenti l’ennesimo convegno sul perché le Grandi Opere sono prima di tutto una Grande Truffa…
    E mentre Alberto Perino citava Gandhi, nel solco della Scuola di Pace di Achille Croce e Don Giuseppe Viglongo…
    Dopo oltre 20 anni, migliaia di pagine di osservazioni tecniche di altissimo valore scientifico, centinaia di momenti informativi che hanno fatto diventare la nostra valle – mi si perdoni l’iperbole – una sorta di espansione recente e permanente della Scuola di Barbiana dove con Don Milani non ci limitiamo a dire che obbedire non è più (e da allora) una virtù, ma che il sapere non deve più essere un privilegio e uno strumento di potere. Mentre tutto questo succede sotto i nostri occhi e grazie a professori del Laboratorio per la Democrazia come Beppe Sergi e Massimo Zucchetti la Maddalena è diventata anche un’aula universitaria a cielo aperto…
    Certo, siamo consapevoli che nei giorni successivi il gran darsi da fare a prendere appunti e ad annuire dei giornalisti convenuti sarà mortificato a cronaca pseudogiudiziaria per volontà degli editori…impuri di questo sfortunato paese che – con rare eccezioni – la libertà di stampa ce l’ha con la condizionale per via del mestiere prevalente – banchieri & palazzinari – dei padroni dei giornali.
    E’ vero: La nostra lotta è degna di una miglior causa soprattutto è degna di essere raccontata per quello che è, e non per quello che neanche uno pagato per sei anni per quello – e al di la della mala fede – è riuscito a capire: una interpretazione in chiave e di dimensione locale della necessità globale, vitale e non più rinviabile di riprendere il futuro nelle nostre mani sottraendolo a quelle dei banchieri che a forza di trasformare tutto quel che toccano in oro stavano per trasformare definitivamente l’acqua in merda, l’aria in una miscela di diossine e la ricchezza collettiva in un club-billionaire per quattro vecchi pedofili e pervertiti. Contro tutto questo è rivolta e continuerà ad essere rivolta la nostra lotta nella nuova consapevolezza che se i media tradizionali continueranno nella loro strada suicida dovranno prima o poi accorgersi a loro spese (come è già stato per molti partiti) che saranno sempre più loro ad aver bisogno di noi e sempre meno noi ad aver bisogno di loro.
     

    Fonte: DEMOCRAZIA Km 0

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Leave a Reply