• Home ·
  • News ·
  • Il flop del nucleare francese. Tra aumento dei costi e ritardi
  • 10ago

    Il flop del nucleare francese. Tra aumento dei costi e ritardi

    Gli insuccessi collezionati da Edf a Flamanville, in Bassa Normandia, non sono più un segreto. Il colosso dell’energia ha infatti ammesso pubblicamente gli enormi aumenti dei costi e dei ritardi accumulati nella costruzione dei suoi European pressurised reactor (Epr) presso la nuova centrale francese. Che, stando alle ultime previsioni, aprirà nel 2016 invece che nel 2012, ed avrà un costo totale di 6 miliardi di euro: quasi il doppio dei 3.3 miliardi previsti in origine. E nonostante questo, secondo la compagnia francese, non c’è motivo di credere che tali problemi si ripetano nel Regno Unito, dove la costruzione di due centrali di nuova generazione, una nel Suffolk e l’altra nel Somerset, è prevista per i prossimi anni. E fortemente voluta dal governo in carica.

    Fino allo scorso anno, le previsioni più pessimistiche di Edf vedevano la centrale di Flamanville 3 generare elettricità dal 2014 e costare un totale di 5 miliardi di euro. Ma non sarà neppure così. Ci saranno da aspettare almeno altri 5 anni, e sborsare un ulteriore miliardo di euro, prima che gli Epr normanni possano essere operativi. Ciononostante, l’ottimismo sembra prevalere in casa Edf, ora che il Regno Unito vuole costruire due nuove centrali con tecnologia Epr sul suo territorio.

    Per il gigante dell’energia, infatti, “non c’è ragione di supporre che i piani da 20 miliardi di sterline per Sizewell, nel Suffolk, ed Hinkley Point, nel Somerset, possano essere affetti dagli stessi problemi che si sono visti in Francia”. “L’esperienza di Flamanville è preziosa mentre progrediamo in GB”, afferma la compagnia in un comunicato: “Ogni volta che Edf costruisce un Epr, la nostra competenza aumenta. Stiamo già vedendo i benefici dell’esperienza nei progetti attuali”. Due dei quali nella lontana Cina.

    La colpa degli scarsi risultati ottenuti finora in patria, secondo Energie de France, è da attribuire a motivi di tipo “strutturale ed economico”, oltre ai cambiamenti originati dalla tragedia giapponese di Fukushima (per cui Edf ha dovuto eseguire, ad esempio, nuove analisi di sicurezza) e alla crescita dei costi per i materiali. Inoltre, quella di Flamanville 3 è “la prima centrale atomica che si sta costruendo in Francia da 15 anni”.

    Qualunque sia il motivo, per il giornalista del Guardian Damian Carrington non c’è posto per il nucleare nel futuro mix energetico del Regno Unito. Dalle pagine del suo blog, infatti, afferma che “I nuovi ritardi e gli eccezionali costi dei nuovi reattori Edf in Francia rendono molto difficile credere che l’energia nucleare possa mantenere le promesse fatte dai suoi supporter”.

    “Credete davvero al colosso francese quando afferma che l’energia nucleare è nel Regno Unito la forma più economica di energia su larga scala, e può essere fornita in tempo per soddisfare i bisogni della nazione?”, chiede Carrington ai suoi lettori. “Io non gli credo”, si sbilancia il giornalista britannico, soprattutto “se si prendono in considerazione fattori come la sicurezza”.

    Non la pensa allo stesso modo il primo ministro David Cameron, deciso a mantenere la Gran Bretagna una “importante nazione nucleare”; anche attraverso la costruzione degli otto nuovi reattori, operativi, secondo le previsioni di Edf, dal 2018. Il governo di Londra è assolutamente convinto della necessità dell’energia atomica. Senza di essa, secondo recenti dichiarazioni del ministro dell’energia, la nazione sarebbe infatti “più buia e meno prospera”.

    Fonte: ilfattoquotidiano.it

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Leave a Reply