• Home ·
  • News ·
  • Sfruttamento delle aree incontaminate: si va verso il picco del legno
  • 19mar

    Sfruttamento delle aree incontaminate: si va verso il picco del legno

    Un gruppo di ricercatori, coordinato da Philip Shearman della Australian National University, ha lanciato un vero e proprio allarme sulla salute delle foreste tropicali, dal momento che, se non si riuscirà a contrastare il loro sovrasfruttamento, molto presto sarà raggiunto il “picco del legno”, simile a quello del petrolio, a cui seguirà una fase di declino.

    Inoltre, gli esperti mettono anche in guardia contro quello che alcuni definiscono uno sfruttamento “sostenibile”, visto che, secondo i dati della loro ricerca, il tempo di riposo concesso alle foreste per potersi ripristinare, di circa 30-35 anni, è insufficiente.

    Al riguardo, questi ultimi hanno spiegato: «Il tempo necessario a una foresta tropicale per ripristinare biomassa, volume del legno e biodiversità è stato stimato in diversi modi, e varia da 45 a 500 anni, ma gli alberi più grandi possono avere età comprese tra qualche decennio e mille anni. Questo fa capire quanto i cicli applicati di solito di 30-35 anni siano insufficienti».

    Una situazione davvero molto grave, soprattutto perché ciò dà vita ad un circolo vizioso, dato che l’eccessivo sfruttamento porta i boscaioli sempre più verso aree incontaminate delle foreste pur di mantenere inalterata la propria produzione.

    Fonte: Coopambiente.it

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Leave a Reply