• Home ·
  • Consumo critico ·
  • Decrescita felice per rispondere alla crisi “Si coltivano orti e si vendono più bici”
  • 09gen

    Decrescita felice per rispondere alla crisi “Si coltivano orti e si vendono più bici”

    “La paura c’è” ma gli italiani reagiscono alla crisi anche con “difese strenue”: è quanto si rileva dal rapporto annuale del Censis sulla situazione sociale del Paese.

    In due anni 2,5 mln di famiglie hanno venduto oro o preziosi; l’85% ha eliminato sprechi ed eccessi, il 73% va a caccia di offerte; il 62,8% ha ridotto gli spostamenti per risparmiare benzina, si vendono meno auto. Alla contrazione della vendita delle auto ha risposto un boom delle biciclette: ne sono state vendute 3,5 milioni; 2,7 milioni di italiani coltivano ortaggi da consumare ogni giorno.

    LE SPESE – La sanità costa cara agli italiani. Nel 2011 le famiglie hanno tirato fuori di tasca loro (out of pocket), per acquistare beni e servizi sanitari, ben 28 miliardi di euro, pari all’1,76% del Pil. Lo evidenzia il 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Una spesa sostenuta soprattutto per far fronte alla scarsità di cure domiciliari e integrazione socio-sanitaria, necessarie per sostenere l’aumento dei malati gravi e cronici. E anche se, secondo l’Ocse, la spesa out of pocket italiana nel 2010 è stata pari al 17,8% della spesa sanitaria complessiva, quindi al di sotto della media Ocse del 20,1%, gli italiani spendono molto di più di altri Paesi europei come Francia (7,3%), Regno Unito (8,9%) e Germania (13,2%). Del resto, come evidenziano i dati del Ministero della Salute, il numero medio di ore erogate a ciascun caso preso in carico dall’assistenza domiciliare integrata nel 2008 è stato di circa 22 ore. Il che rende inevitabile per le famiglie supplire alle mancanze del sistema pubblico, e sostenere costi spesso insostenibili, quando si tratta di malattie gravi o croniche. Ad esempio, la stima dei costi sociali diretti a carico delle famiglie, fatta dal Censis, vede una spesa di 6.403 euro per l’ictus, di 6.884 euro per il tumore e 10.547 per l’Alzheimer. Ciò evidenzia, secondo il Censis, come il modello assistenziale socio-sanitario sia capace di coprire solo una parte dei bisogni, lasciando scoperti proprio i soggetti che più ne avrebbero bisogno, soprattutto nel lungo periodo.

    POLITICA E SOCIETA’ – Italia “separata in casa” per sopravvivere alla crisi: da una parte ci sono le istituzioni politiche alle prese con il rigore sui conti, dall’altra i soggetti economici e sociali, che, “rimasti soli”, attuano “affannose strategie di sopravvivenza”.

    I CONSUMI FAMILIARI – “Risparmio, rinuncio, rinvio”: il rapporto annuale del Censis indica così “le tre ‘r’ dei consumi familiari”, alla base del crollo delle spese. “Nel primo trimestre 2012 la flessione delle spese delle famiglie è stata del 2,8% e nel secondo trimestre vicina al 4% in termini tendenziali”. Nel 2012 i consumi reali pro-capite, pari a poco più di 15.700 euro, “sono tornati ai livelli del 1997”. Mentre è in “drastica riduzione”anche la propensione al risparmio, “dal 12% del 2008 all’attuale 8%”.

    BOOM DI CERCA LAVORO – “Tra primo semestre 2011 e primo semestre 2012 il numero delle persone in cerca di lavoro è aumentato di oltre 700mila unità”, a 2,75 milioni. “Incremento davvero eccezionale, +34%”, rileva il Censis nel rapporto annuale. Mentre è “anticiclica” la dinamica dell’occupazione femminile, con 110mila nuovi posti tra 2010 e 2011, +1,2%; “Tendenze destinate a consolidarsi ancora di più nel 2012”, con un saldo di +118mila unità nel primo semestre. In controtendenza anche l’occupazione nelle coop.

    LA CRISI COLPISCE LA LETTURA – Gli unici mezzi di comunicazione che riscuotono un successo crescente sono quelli che integrano le funzioni dei vecchi media nell’ambiente di Internet, come gli smartphone e i tablet. E’ quanto si legge nel capitolo del rapporto del Censis dedicato a comunicazione e media. Prosegue l’emorragia della carta stampata: i lettori di quotidiani (-2,3% tra il 2011 e il 2012), che erano il 67% degli italiani cinque anni fa, sono diventati oggi solo il 45,5%. Perde lettori anche l’editoria libraria: ormai meno della metà degli italiani legge almeno un libro all’anno (49,7%), anche se si segnala un +1% per gli e-book. La penetrazione di Internet ha guadagnato 9 punti percentuali nell’ultimo anno ed oggi l’utenza si assesta al 62,1% degli italiani (90,8% tra i giovani). Continua anche la forte diffusione dei social network: è iscritto a Facebook il 66,6% delle persone che hanno accesso a Internet (il 41,3% dell’intera popolazione). Al tempo stesso i telefoni cellulari (utilizzati ormai da 8 italiani su 10) aumentano ancora la loro utenza complessiva (+2,3%). La televisione continua ad avere un pubblico che coincide con la totalità della popolazione (il 98,3%: +0,9% rispetto di utenza complessiva rispetto al 2011), ma cambiano i modi guardarla: il 42% degli italiani collegati ad Internet cerca i canali su YouTube per costruirsi i propri palinsesti. Anche la radio resta un mezzo a larghissima diffusione (la ascolta l’83,9% della popolazione: +3,7% in un anno).

    Fonte: L’Unione Sarda

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Discussion One Response

  1. 17 gennaio 2013 alle 05:29

    Il quadro complessivo appare quindi più che mai incoraggiante: un po’ tutti stanno cominciando ad accorgersi del piccolo miracolo degli orti cittadini, in grado di concentrare in 50 metri quadrati opportunità di decrescita, sostenibilità ambientale, occasioni di socializzazione e recupero dei valori comunitari.

Leave a Reply