• Home ·
  • News ·
  • Adesione alla manifestazione “LA VIA MAESTRA”, Roma, 12 ottobre 2013
  • 08ott

    Adesione alla manifestazione “LA VIA MAESTRA”, Roma, 12 ottobre 2013

    I tentativi di modificare in senso autoritario la costituzione sono la risposta alla perdita di consenso

    che in misura sempre maggiore sta subendo il blocco di potere formato dai partiti novecenteschi e dai grandi gruppi industriali che ha governato l’Italia dal dopoguerra ad oggi. La scelta di affrontare la crisi tentando di rilanciare la crescita economica attraverso ingenti commesse militari a imprese multinazionali che non generano occupazione nel nostro Paese, o attraverso grandi opere pubbliche di dubbia utilità che causano impatti ambientali devastanti e presentano il rapporto più basso tra il numero degli occupati necessari a realizzarle e l’entità dei capitali investiti, suscitano rifiuti sempre più diffusi e generalizzati a cui sempre più frequentemente il potere politico risponde riducendo gli spazi della democrazia fino all’occupazione militare dei territori. Oppure, come è successo con i referendum contro la privatizzazione dell’acqua, utilizzando in maniera surrettizia i margini di manovra offerti dalla gestione del potere politico, per vanificare l’espressione della volontà popolare e continuare a favorire le imprese che gestiscono il servizio perseguendo i propri interessi privati, anche quando la maggioranza del capitale è posseduta dal pubblico. Finché le politiche per superare la crisi continueranno a essere fondate su progetti di grandi opere e privatizzazioni per rilanciare la crescita, il debito pubblico continuerà aumentare, si aggraveranno i problemi ambientali e con ogni probabilità non ci saranno incrementi dell’occupazione. Il blocco di potere continuerà a perdere consenso e le spinte autoritarie volte a ridurre gli spazi di democrazia si accentueranno.

    Il Movimento per la decrescita felice sottoscrive il documento “La via maestra” e aderisce alla manifestazione in difesa della Costituzione che si terrà il prossimo 12 ottobre a Roma, suggerendo ai promotori e a tutte le associazioni aderenti di promuovere un confronto tra le associazioni delle piccole e medie industrie, degli artigiani, dei professionisti finalizzato a elaborare una proposta che valorizzi le loro competenze professionali, oggi sottoutilizzate, nella realizzazione di un grande progetto di ristrutturazione del nostro Paese in senso eco-compatibile, ristrutturando gli edifici pubblici e privati per ridurre i loro consumi energetici, realizzando opere di sistemazione idrogeologica, potenziando l’agricoltura nell’ottica di aumentare a nostra autonomia alimentare, recuperando dall’incuria il nostro patrimonio artistico e culturale. Questi lavori sono in grado di creare un’occupazione molto superiore a quella delle grandi opere, a differenza delle grandi opere sono utili, consentono di attenuare i più gravi problemi ambientali, ammortizzano i loro costi d’investimento con i risparmi che consentono di ottenere o attivando una domanda di qualità. Per difendere la nostra Carta costituzionale, oltre alle iniziative finalizzate a contrastare i tentativi di modificarla in senso autoritario, occorre ricostruire il consenso degli elettori nei confronti di un progetto di futuro, che i partiti di cultura novecentesca non sono più in grado di ottenere e cercano di sostituire riducendo gli spazi della democrazia per conservare il loro potere.

    Movimento per la Decrescita Felice.

    Per chi desidera approfondire, qui il sito costituzioneviamaestra.it 

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Leave a Reply