• 04apr

    Un Serra decrescente

    Pubblichiamo di seguito, l’ “Amaca” del 25 Marzo scorso, di Michele Serra, apparso sul quotidiano nazionale “la Repubblica”.

    Riteniamo che in questo caso l’autore abbia centrato – con il suo stile – in pieno un argomento importante ed in sintonia con il Movimento per la decrescita felice.

    Di seguito l’articolo:

     

    «Incentivare i consumi senza ritornare nella logica perversa del consumismo», suggerisce monsignor Bagnasco, che non presiede la Confcommercio ma il Consiglio episcopale. Il timore, però, è che la «logica perversa dei consumi» sia tutt’uno con l’ossessione di «incentivarli», secondo il mito della Crescita Obbligatoria che ha il piccolo difetto di essere irrealizzabile (e di conseguenza: irrealizzato). Si attende da tempo — diciamo: almeno dall’esplodere della crisi nel 2008 — la prima voce autorevole che abbia il coraggio di dirci che no, i consumi non torneranno MAI a crescere tanto quanto servirebbe a risanare i nostri conti, quelli privati e quelli pubblici. E aggiunga che il bivio che ci sta di fronte è tra un decrescita infelice (e ferocemente iniqua con i più deboli: questa, dunque) e una decrescita felice, realisticamente disposta a usare meglio meno risorse, a vivere con meno ma in maniera meno forsennata e ansiosa, a distribuire un po’ più equamente i vantaggi e gli svantaggi. L’idea di «incentivare i consumi» suona davvero vecchiotta, specie adesso che il papa si chiama Francesco.

    Fonte: LaRepubblica

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Discussion One Response

  1. 5 aprile 2014 alle 10:01

    Bravo Michele Serra, tanto di cappello!

Leave a Reply