• 07set

    Ogm, Stati liberi di decidere: primo no dall’Europarlamento

    Arriva un primo no dalla commissione agricoltura del Parlamento europeo alla nuova norma che darebbe mano libera agli Stati membri sull’autorizzazione o il divieto di colture ogm. Noi lo avevamo detto: è un trabocchetto.

    La commissione agricoltura del Parlamento europeo ha respinto la proposta della Commisione Europea di dare libertà ai singoli Stati per vietare o permettere l’uso e la coltivazione di ogm sul proprio territorio. Il timore espresso è che i divieti nazionali distorcano la competitivià e rendano a macchia di leopardo la produzione alimentare in Europa. Ma in realtà c’è di più: il rischio è che i divieti degli Stati più prudenti non servano a nulla perché poi la contaminazione che viene di là dal confine è garantita!

    Ora la proposta deve passare al vaglio della commissione ambiente il 12 e 13 ottobre, poi andrà al voto in assemblea plenaria al Parlamento europeo dal 26 al 29 ottobre.

    Purtroppo le ragioni sulle quali è stato basato il no della commissione agricoltura desta qualche perplessità. Uno dei portavoce ha affermato che «i divieti nazionali provocherebbero difficoltà a quei settori che già si basano sull’importazione e sull’utilizzo di cibi ogm».

    Ecco perche’ la nuova norma è un tranello

    di Alexis Myriel
    Fonte: Terranuova.it

     

    The following two tabs change content below.

    Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Leave a Reply