• 11lug

    Cosa vuol dire cambiare la propria vita ed essere decrescente?

    Essere decrescente, cosa significa veramente? Quali sono le azioni che ogni giorno determinano il cambiamento in noi e poi negli altri?

    Cosa siamo realmente disposti a fare per cambiare la nostra vita e riscoprire il valore del tempo?

    Per rispondere a queste domande i circoli di Venezia e di Roma hanno realizzato degli interessantissimi video che vi proponiamo direttamente sul canale YouTube della Decrescita Felice.

    Alcuni i punti in comune emersi dalle diverse interviste raccolte.

    1. Qualità del tempo,
    2. legami con le persone,
    3. mobilità alternativa (bicicletta, cercando di eliminare la macchina),
    4. riduzione dei rifiuti (riduzione dell’impronta ecologica),
    5. evitare sprechi,
    6. dedicarsi del tempo per fare ciò che si vuole realmente,
    7. autoproduzione,….

    Questo è solo un breve elenco di cosa significhi realmente essere decrescente. Decrescita non è solo una parola bensì uno stile di vita, un modo di essere, una riflessione e un’analisi approfondita sul mondo e sulle sue regole.

    Essere decrescente, ne parla il Circolo MDF di Venezia

    Nel primo video, Carlotta Carlotti del circolo MDF di Venezia parla della qualità del tempo, del tempo che ci viene sottratto in 8-10 h da passare a lavorare senza poter avere una vita propria.

    Seguono riflessioni e spunti raccolti nel corso della Prima Festa della Decrescita a Roma.

    Essere decrescente, consigli dagli intervistati del Circolo di Roma.

    La vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni degli altri

    Oscar Wilde

    The following two tabs change content below.

    Nata nel 1984 Eleonora è giornalista pubblicista iscritta nell’Albo della Regione Umbria. Dopo una laurea in Marketing e comunicazione si specializza in Business frequentando l’ MBA International Programme presso Luiss Business School. Attivista ed ecologista per DNA ama combattere per le giuste cause e i diritti fondamentali dell’uomo e dell’ambiente.

Leave a Reply