• 08apr

    Cosa c’è dietro le etichette dei prodotti cosmetici

    Cosa c’è dietro le etichette dei prodotti cosmetici

    PARABENI – conservanti Rischi: dermatiti da contatto e alterazioni dell’equilibrio ormonale;
    propylparaben, methylparaben, ethylparaben, isobutylparaben, butylparaben e benzylparaben

    PETROLATI – derivati direttamente dalla raffinazione del petrolio.
    mineral oil, petrolatum, paraffinum liquidum, cera microcristallina
    Rischi: pelle impura, pori occlusi, dermatiti da contatto;

    SILICONI – rendono i prodotti cosmetici setosi ma la pelle fintamente morbida e idratata.
    ingredienti terminanti in –one -thicone -siloxone
    Rischi: producono una barriera impermeabile alla traspirazione cutanea; secchezza, mancanza di idratazione, non biodegradabili;

    TENSIOATTIVI derivati dal petrolio, sostanze schiumogene
    SLS (Sodium Lauryl Sulfate), SLES (Sodium Laureth Sulfate)
    Rischi: acne, arrossamenti, allergie, pelle secca, chioma grassa o con forfora, indebolimento del cuoio capelluto;

    PROFUMI DI SINTESI E COLORANTI ARTIFICIALI
    serie di cinque cifre numeriche precedute dalla sigla CI (CI xxxxx)
    Rischi:allergie e irritazioni;

    SOSTANZE REGOLATRICI DEL PH
    ingredienti terminanti in –MEA –TEA –EDTA -MIPA, come Cocoamide MAE, Lauramide TEA
    Rischi: ingredienti altamente irritanti.

    inci

    Il primo e sempre fondamentale consiglio è di guardare attentamente l’INCI, ovvero l’etichetta che contiene tutti gli ingredienti.

    Per capire meglio gli ingredienti possiamo consultare il Biodizionario creato Fabrizio Zago. Basta andare sul sito www.biodizionario.it e inserire gli ingredienti sospetti; un sistema di semafori rossi, verdi e gialli ci indicherà il grado di dannosità di una certa sostanza. Allerta massima per i primi cinque ingredienti nell’INCI, perché rappresentano il 50/80% del totale: fondamentale che ne escano green.

    Cosa possiamo fare? Autoproduciamo!

    L’autoproduzione ci permette di essere dei consumatori consapevoli e informati, capaci di fare in casa anche prodotti che abitualmente usiamo per detergere il corpo e che spesso sono aggressivi con la nostra salute. L’autoproduzione e il saper fare sono infatti dei pilastri della decrescita felice.

    Alcuni esempi:

    • SHAMPOO/DOCCIA SCHIUMA
      50 g di sapone di Aleppo
      300 ml di acqua
      50 ml di acqua calda
      pentolino con coperchio
      flacone dosatore
      imbuto

    sapone aleppoGrattugiamo o sminuzziamo con un tritatutto 50 g di sapone di Aleppo. Lo si acquista facilmente in tutte le erboristerie, negozi bio e in farmacia.

    È un sapone millenario, ci viene tramandato dall’antica Siria, come vero estratto di salute e bellezza.

    Sciogliamo i nostri fiocchi di sapone in un pentolino con 300 ml di acqua e facciamo sobbollire finché non si sia formato un bel gel dal colore della polpa di una mela verde.

    Togliamo dal fuoco e facciamo raffreddare (con un coperchio). Il nostro composto pian piano si addensare ancor di più.

    Una volta freddo dobbiamo aggiungere 50 ml di acqua calda e frullare di nuovo.

    E’ straordinario perché aiuta a risolvere problemi di: capelli grassi, dermatiti, desquamazioni, intolleranze, forfora, in quanto oltre all’effetto antisettico è anche lenitivo e favorisce la normalizzazione cutanea.

    Dura circa 5 mesi.

    • BALSAMO PRE-SHAMPOO NUTRIENTE PER CAPELLI TINTI E DEBOLI
      50 g di olio di cocco o jojoba
      50 g di gel d’aloe
      Barattolino con chiusura ermetica

    Spesso le tinture, il vento, il freddo, indeboliscono il capello, disidratandolo e togliendo lucentezza. Una volta ogni 10 giorni sarebbe necessario correre ai ripari e fare un bell’impacco nutriente. Basta mettere in un ciotolina 50 g di olio di cocco (che nelle stagioni fredde si presenta in forma solida come se fosse un burro) o di jojoba e 50 g di gel d’Aloe. Entrambi i prodotti si acquistano sempre in erboristeria o nei negozi bio. Il gel d’aloe possiamo anche estrarlo dalla pianta per averlo a costo zero. Con una spatolina ammorbidiamo l’olio/burro di cocco e lo amalgamiamo con il gel d’aloe. Trasferiamo un barattolino (1 cucchiaio per capelli corti o medi, 2 per capelli lunghi, prima dello shampoo).

    Di Lucia Cuffaro, vice presidente MDF

    Lucia Cuffaro

     

     

     

Leave a Reply